Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile

Procedendo ad utilizzare il sito, anche rimanendo in questa pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Come aumentare vendite e-commerce

Category: Blog Written by Super User

Se ti stai chiedendo come aumentare le vendite di un e-commerce saprai che non è assolutamente una tematica semplice da affrontare, l’aumento delle vendite può dipendere da numerosissimi e differenti aspetti del vostro e-commerce, da quelli semplici a quelli più tecnici che conglomerandosi saranno di supporto all’aumento delle vendite online.

In questo articolo vi illustreremo quindi i principali aspetti che possono influire positivamente ed aumentare le vendite online del vostro e-commerce.

Ottimizzare i tempi di caricamento dell’e-commerce:

I tempi di caricamento del e-commerce sono un fattore molto importante in termini di conversione, in quanto un sito web lento nel caricamento tende a generare un abbandono dell’utenza, con conseguente perdita di possibili vendite.

Un sito web con tempi di caricamento ottimali riesce a caricare molto rapidamente per ogni dispositivo e tipologia di connessione utilizzata i contenuti del sito, riducendo quindi la possibilità di abbandono.

Se il tuo e-commerce ha tempi di caricamento oltre i 3 secondi (questo sia per dispositivi desktop che mobile) molto probabilmente questo aspetto influisce negativamente sull’esperienza di navigazione e di acquisto con conseguente possibile abbandono da parte degli utenti.

Per ottimizzare i tempi di caricamento di un sito e-commerce e migliorare il percorso di acquisto per i visitatori possono essere necessari differenti interventi, questi possono essere risolti con appositi plug-in o con l’intervento manuale di programmatori esperti, per individuare le problematiche correlate ad i tempi di caricamento è necessaria un’accurata analisi dei tempi di caricamento.

Ottimizzare l’usabilità dell’e-commerce:

L’usabilità di un sito web a giorno d’oggi deve essere mobile first, quindi sviluppata e pensata prevalentemente per dispositivi mobile in quanto la maggioranza del traffico web solitamente è sviluppata da tali tipologie di dispositivi, di conseguenza il nostro target di clientela sicuramente ricade all’interno di questi dispositivi ed è ancora più importante considerare questo aspetto.

A giorno d’oggi quindi è fondamentale che l’usabilità di un sito e-commerce sia strutturata in modo differente in relazione al dispositivo in utilizzo dall’utenza, questo per semplificare la navigazione ed il percorso di acquisto in relazione alla tipologia con conseguente possibile aumento delle vendite sull’eCommerce.

Per ottimizzare l’usabilità del e-commerce è necessario innanzitutto possedere apposite strumentazioni che vanno ad analizzare l’usabilità della piattaforma da parte degli utenti tramite la registrazione delle sessioni, mappe di calore, mappe dei click e dello scroll utili a creare una panoramica comportamentale dell’utilizzo della piattaforma e-commerce; successivamente con le competenze di un analista digitale esperto sarà possibile identificare eventuali problematiche di usabilità che influenzano la navigazione dell’utenza ed impattano negativamente sul percorso di acquisto, che web designer e sviluppatori potranno risolvere a supporto di un aumento delle vendite sulla piattaforma e-commerce.

Raccogliere i dati dall’e-commerce ed analizzarli costantemente:

La raccolta dei dati è la cosa più preziosa che un’attività digitalizzata può avviare, ma per raccogliere i dati dell’utenza dell’e-commerce sono necessarie apposite strumentazioni come per esempio Google Analytics il Pixel di Facebook, la Search Console di Google e moltissime altre strumentazioni utili per la profilazione dell’utenza, che devono essere installate e configurate sull’e-commerce da esperti in tracciamento ed analisi dei dati.

Grazie ai dati raccolti dagli strumenti di analisi, sarà possibile individuare quale tipologia di utenza è più propensa alla conversione ed al compimento di determinate azioni (es. visualizzazioni prodotto, aggiunte al carrello, inizio della procedura di acquisto, ordine completato, etc..) andando ad analizzare l’utenza a livello geografico, demografico e comportamentale.

L’analisi dei dati se svolta da consulenti digitali esperti permetterà quindi di identificare qual è la tipologia di utente più propenso a convertire per ogni sorgente di traffico ed instradare successivamente la strategia di marketing verso il target di utenza ottimale, con l’obiettivo primario di aumentare le vendite e-commerce.

Ottimizzare l’e-commerce lato SEO per il posizionamento organico:

Per aumentare le vendite dell’e-commerce senza spendere un centesimo in pubblicità a pagamento la soluzione ottimale è chiamata Search Engine Optimization, ovvero SEO, questa attività viene svolta sui portali per indicizzare sui motori di ricerca l’e-commerce e restituire le pagine presenti su quest’ultimo quando gli utenti effettuano specifiche ricerche online.

I motori di ricerca sono la sorgente di traffico con il più elevato tasso di conversione, ovvero in relazione agli utenti che vengono veicolati dalla sorgente, la percentuale di utenti che effettua un acquisto sull’e-commerce spesso è nettamente superiore rispetto alle restanti sorgenti (es. Social, Referral, etc.) di conseguenza per aumentare le vendite di un sito eCommerce i motori di ricerca diventano di vitale importanza. Spesso molti e-commerce si focalizzano esclusivamente su strategie di advertising mirato senza prestare particolare attenzione alla SEO ed ai risultati che possono essere ottenuti dai motori di ricerca.

Grazie ad una buona SEO ed al posizionamento organico sarà possibile veicolare sul nostro sito web utenza altamente profilata in quanto veicolata al nostro e-commerce in relazione all’intento di ricerca espresso dall’utente. Dato che alla base dell’acquisizione di questi utenti vi è una ricerca, la correlazione tra l’interesse dell’utente e la vostra piattaforma l’e-commerce sarà maggiore, con maggiore possibilità di generare vendite online.

Se non state considerando i motori di ricerca per aumentare le vendite dell’ecommerce siete amanti del rischio, con un consulente esperto in seo on site ed on page ed una strategia seo off site che potrà guidarvi nel raggiungimento di questo obiettivo, aumentare le vendite del vostro e-commerce sarà un gioco da ragazzi.

Campagne pubblicitarie per e-commerce:

A giorno d’oggi i motori di ricerca offrono soluzioni diversificate per effettuare campagne pubblicitarie per e-commerce, per esempio con le campagne pubblicitarie Google Ads è possibile mostrare sulla base delle ricerche svolte su Google annunci dedicati all’utenza che guidano all’eCommerce, come per le campagne pubblicitarie Microsoft Ads sul motore di ricerca Bing.

Anche i social networks offrono piattaforme per strutturare campagne pubblicitarie per e-commerce, per esempio con le campagne pubblicitarie Facebook è possibile mostrare sulla base della profilazione del target annunci mirati all’utenza che la guidano al sito e-commerce, come per le campagne pubblicitarie Instagram che tramite post e stories sponsorizzati possono veicolare l’utenza.

Per non scordare le piattaforme audio e video, che offrono anche queste ultime possibilità di sponsorizzare contenuti come ad esempio le campagne Spotify Ads che tramite annunci audio possono veicolare utenza profilata verso l’e-commerce, o le campagne pubblicitare YouTube che con annunci video correlati da prodotti possono guidare utenza al vostro e-commerce.

Campagne pubblicitarie e-commerce di acquisizione:

Le campagne pubblicitarie di acquisizione, sono campagne pubblicitarie mirate ad acquisire esclusivamente nuova utenza, ovvero utenti che non sono mai stati sulla e-commerce quindi tecnicamente che non lo conoscono; queste campagne hanno l’obiettivo primario di guidare nuovi utenti al sito per fare compiere loro il percorso di navigazione più opportuno analizzando e profilando le azioni svolte da queste ultime, ed in secondo piano di fare compiere a loro un acquisto.

Campagne pubblicitarie e-commerce di remarketing:

Le campagne pubblicitarie di remarketing, sono campagne pubblicitarie mirate a rimarcare l’utenza che ha già visitato il sito web, ovvero utenti che in passato hanno visitato determinate sezioni o ancor meglio che hanno svolto specifiche azioni sull’e-commerce; queste campagne hanno l’obiettivo primario di aumentare le vendite in quanto erogate esclusivamente su utenza propensa all’acquisto (es. persone che hanno visualizzato determinati prodotti, aggiunto questi ultimi al carrello, iniziato l’acquisto senza portarlo a termine).

Pianificare degli A/B test sulle pagine dell’e-commerce:

Una strategia ottimale per aumentare le vendite dell’e-commerce è pianificare degli A/B test, grazie a questa tipologia di esperimenti è possibile strutturare due varianti distinte della stessa pagina, che possono essere a livello di layout, di ux di contenuti e di prezzo.

Una volta strutturate due varianti (A e B) della stessa pagina tramite strumenti dedicati o con il supporto di sviluppatori, sarà possibile erogare in modo alternato all’utenza le varianti della ed analizzare i dati raccolti sul comportamento dell’utente, sarà infine possibile comprendere quale delle due varianti è più propensa al raggiungimento del nostro obiettivo.

Questa tipologia di strategia è vincente su e-commerce che hanno prodotti molto consultati in termini di visualizzazioni, ma con pochissime aggiunte al carrello; analizzando i dati raccolti sull’usabilità del sito, per capire le principali problematiche dovute a tale comportamento e proponendo all’utenza due varianti distinte della stessa pagina, sarà quindi possibile sviluppare una nuova struttura per favorire l’aumento delle vendite sull’e-commerce.

Gestire i clienti dell’e-commerce comunicando con newsletter, SMS e notifiche Push:

Per comunicare con i clienti dell’e-commerce in modo diretto è consigliato utilizzare ulteriori canali di comunicazione che a giorno d’oggi quasi tutti dispongono come e-mail, SMS e notifiche push. Questa tipologia di mezzi di comunicazione è molto più conveniente economicamente rispetto all’advertising, sicuramente più diretta e più stimolante per il cliente dell’e-commerce.

Grazie a questa tipologia di mezzi di è possibile comunicare al nostro bacino di clientela in modo diretto ed istantaneo, ed in qualunque posto questi ultimi si trovino. Strumentazioni ideali per comunicare nuovi arrivi, sconti imperdibili ed associare eventuali automazioni.

Strutturare automazioni funzionali e comunicative:

Una volta implementate le piattaforme di comunicazione all’e-commerce inizia il divertimento con le automazioni che possono essere suddivise due macro categorie: funzionali e comunicative.

Ma tutte con un unico obiettivo in comune: aumentare le vendite dell’e-commerce!

Automazioni funzionali:

Le automazioni funzionali di un e-commerce sono essenziali per l’aumento delle vendite sono automazioni che prendono vita direttamente all’interno del layout del vostro e-commerce, possono essere visibili esclusivamente a determinati utenti o all’intero sito web e possono essere di differenti, di seguito alcuni esempi molto diffusi:

Automazioni comunicative:

Le automazioni comunicative sono fondamentali per l’aumento delle vendite dell’e-commerce sono automazioni che avvengono al di fuori del vostro e-commerce, su mezzi di comunicazione di terze parti come per esempio Mail, SMS e Notifiche Push, di seguito alcuni esempi molto diffusi:

Integrare le automazioni:

Integrare le automazioni purtroppo non è semplice, esistono appositi plug-in che possono essere utilizzati per configurare le automazioni più standard, per ottenere automazioni funzionali e comunicative strutturate è necessaria tanta competenza oppure il supporto del giusto consulente esperto in marketing e sviluppatori con comprovata esperienza.

Inizia ad aumentare le vendite dell’e-commerce:

Se quanto consigliato fino ad ora a livello teorico per aumentare le vendite online è di tuo gradimento ma non sai come aumentare le vendite del tuo e-commerce nel lato pratico, il nostro servizio di gestione e-commerce conto terzi può essere di aiuto ad eventuali necessità che possono emergere da una gestione indipendente, ma soprattutto nel raggiungimento di obiettivi di business, anche per i più ambiziosi.